I brand parlano di noi. Ci raccontano agli altri anche quando decidiamo di criticarli, di ignorarli e di non instaurare con loro una relazione. È per questo motivo che noi abbiamo deciso di parlare di loro. Con un occhio da consumatrici, da acquirenti, da persone che vivono con i brand tutti i giorni. E con un occhio da “studiose”, da universitarie (ormai in dirittura d’arrivo!) laureate in Brand management, che cercano di capire cosa muove una marca, come si muove un brand nella società e come riesce ad essere brand o, al contrario, a passare inosservato, quindi a non “essere degno” di tale nome.
We love branding esprime insieme l’essenza del blog e la nostra aspirazione: l’amore per le marche ci spinge a raccontare le loro storie; l’amore per le marche ci fa sognare di fare questo lavoro tutta la vita!
for you
Vogliamo ringraziare Barbara per la gentile concessione della bellissima immagine che è diventata la nostra testata.

9 Responses to “L’essenza del blog”


  1. 1 l.t.ricasoli 15 maggio, 2008 alle 1:13 pm

    veramente brave, anche se questo tipo di metodologie per lo sviluppo delle aiende è troppo lontano dal mio modo di impostare le relazioni commerciali, basato su rapporti personali, forse meno profiqui, ma sicuramente meno stressanti. chi avrà ragione …”…ai posteri l’ardua sentenza…” ciao

  2. 2 welovebranding 15 maggio, 2008 alle 5:45 pm

    Grazie per il commento! Crediamo che molto dipenda dal tipo di attività gestita; i rapporti interpersonali sono sempre stati e sono ancora importanti però oggi, la virtualità ha portato con sé non poche “rivoluzioni”.
    Vediamo se con il blog riusciremo a capirci qualcosa di più!

  3. 3 Annalisa 15 maggio, 2008 alle 8:22 pm

    Bell’idea… è vero che i brand parlano di noi, volenti o nolenti! L’immagine di testata è una chicca!

  4. 4 Il Morello 9 giugno, 2008 alle 10:18 am

    Oltre che intelligente ed esteticamente irreprensibile (easy con un’immagine di testata da urlo), welovebranding rischia seriamente di essere uno di quei laboratori che noi amanti del genere adoriamo frequentare. A patto che non smetta mai di fare ricerca…
    Io, personalmente, lo utilizzerò per sfogare la mia voglia di branding quando possibile e l’ho già messo nei preferiti!
    Spero di portarvi presto altri adepti!

    Continuate così.

  5. 5 welovebranding 10 giugno, 2008 alle 8:59 am

    @Il Morello
    Grazie per i complimenti!!!
    Siamo felicissime di avere un fan come te!

    L’idea del laboratorio di ricerca è molto carina e stiamo pensando di inserire una pagina dedicata a chi, come te, desidera lanciare arogmenti e dar vita a riflessioni sui suoi “Lovemarks”

  6. 6 Smeerch 2 ottobre, 2008 alle 2:29 am

    Bel progetto. Complimenti. Speriamo che questo blog non si esaurisca con la fine del progetto BlogLab.
    Il voto che gli ho dato, però, non ve lo dirò mai! :)

  7. 7 welovebranding 7 ottobre, 2008 alle 6:32 pm

    Grazie! Chissà se scopriremo mai il tuo voto!

  8. 8 Francesco 15 ottobre, 2008 alle 11:36 pm

    Bel blog, complimenti, da parte di un “vecchio” del mestiere che poco ha letto del vostro ampio blog (veramente molto ampio) vorrei sviluppare una riflessione riguardo cosa valorizza il brand.
    Sicuramente i film aiutano a sviluppare un brand (forse si può chiamare all’antica pubblicità occulta, ricordo i bei film degli anni ’70 con Tognazzi che si accendeva una Malboro parandosi il vento – in camera da letto … – con il pacchetto) resta però il fatto che il brand i nutre dei contenuti reali del prodotto acquistato: una porsche con i difetti di una vecchia rover si vende piuttosto male).
    Secondo me il brand è fatto di comunicazione e di sogni sostenuti da fori sostenuti, che siano di soddisfazione di bisogni reali o di desideri edonistici non fa differenza, l’importante che la “promessa” fatta venga più che ampiamente rispettata.
    I junk bond, o blue chip, o “aereoplani” che promettevano grossi guadagni in breve termine hanno dimostrato la corta prospettiva; il ritorno a obiettivi reali, forse, può risvegliare brand reali (nutella, coca cola, levis, apple – con il vecchio guru che sviluppa servizi reali -, ecc).
    Palloso? può darsi.

    Ciao

    Francesco

  9. 9 welovebranding 16 ottobre, 2008 alle 1:55 pm

    Pienamente d’accordo sul fatto di puntare su valori reali e su cose concrete: senza un buon prodotto non si va da nessuna parte!
    Secondo noi non è palloso anzi, è un buon punto di partenza per parlare anche di altro: sogni, aspirazioni,… Per far crescere un brand, quindi!

    D’altra parte la Porsche non viene acquistata solo per le prestazioni eccellenti, ma anche per riconoscimento sociale, per dimostrare un certo status, per il concetto di lusso,etc.

    Speriamo che tu continui a seguirci!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




branding steps

settembre: 2014
L M M G V S D
« nov    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Categorie


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: