Figli della nuova 500

Stravato e Casanova a Comunicazione d\'Impresa

Esattamente un anno fa, durante il corso del Prof. Marco Stancati, abbiamo assistito alla presentazione di una strategia di marketing inedita: quella di Fiat 500. Stefano Stravato e Stefano Casanova raccontarono a noi studenti della Sapienza la costruzione di un brand e di un prodotto attraverso la piattaforma 500 wants you.

A un passo dal primo compleanno dell’auto, abbiamo cercato di capire dove sia la vera forza di questa esperienza: secondo noi il legame tra la 500 e il suo pubblico ricalca quello tra genitore e figlio. Questo la differenzia dagli altri esempi di buon utilizzo del Web 2.0 da parte di aziende (come Ducati e Mini) che legano prodotti e consumatori con un rapporto di “fidanzamento”.

Gli iscritti a 500 wants you, ad oggi oltre 120 000, sono stati coinvolti nella creazione del prodotto tanto da percepirlo come un figlio: hanno potuto trasferire alla 500 parte della loro personalità e delle loro caratteristiche. Tutto questo aiutato dal linguaggio utilizzato dagli autori della campagna: l’ecografia e i nove mesi di gestazione hanno rafforzato l’idea dell’attesa della propria “bambina”.

Il successo dell’iniziativa è evidente, tanto che oggi Fiat può tornare a parlare delle performance del suo prodotto e non solo dei suoi valori, con la nuova campagna di spot televisivi “Ogni Fiat è 500% Fiat”.

Ci sembra anche un modo di riallacciare i legami tra 500 e le altre auto della casa torinese, proprio per evitare una problematica che potrebbe presentarsi nel lungo periodo. Quale potrebbe essere la reazione di questi consumatori così coinvolti nell’esperienza attuale del brand 500, di fronte a nuovi modelli o al cambio della propria vettura? Sostituiranno la loro “bambina” con un’altra Fiat, o cercheranno altrove una nuova relazione forte?

3 Responses to “Figli della nuova 500”


  1. 1 baldo 8 giugno, 2008 alle 2:30 pm

    L’operazione “500” è riuscita alla grande, con l’unione di mezzo on e off line. Ero scttico, perchè se il prodoto nnon reggeva (i rumorini sono sempre in agguato…) tanto clamore si sarebbe trasformato in un boomerang, ma così non è stato.
    Ormai si può dire che il cinquino sia lanciato, ma non so se l’operazione possa essere replicata toccando le stesse “corde”. La 500 ha avuto qualcosa di storico, e non mi vedo regata o stilo avere lo stesso fascino su cui lavorare. Si potrebbe provare con il marchio della “Topolino” (ma è dello stesso segmento della 500), o forse con la Uno.
    Vedremo Mr. Marchionne che magie ci riserverà…

  2. 2 stefano stravato 17 giugno, 2008 alle 11:59 pm

    Ciao,
    l’idea del rapporto padre-figlio forse non l’avevamo pensata proprio in questi termini, ma devo dire che ci piace molto e sottolinea il carattere umano di quest’auto unica.

    Sono molto contento di aver potuto lasciare una piccola testimonianza dell’immenso lavoro fatto in Fiat negli ultimi anni…

    Speriamo che la Fiat sappia instaurare sempre meglio e sempre di più buone relazioni!

    Saluti a voi, al prof e in bocca al lupo per il vostro Blog!

  3. 3 welovebranding 18 giugno, 2008 alle 12:16 am

    Innanzitutto crepi il lupo!
    Grazie per essere passato di qui ed averci lasciato un’altra testimonianza.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




branding steps

giugno: 2008
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Categorie


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: