Non è sempre puro quel che luccica…

Oggi abbiamo scelto di dedicare questo spazio ad un film di qualche anno fa, che ha due particolarità.

La prima è che non compare esplicitamente nessun brand, anche se la storia è costruita in modo tale che sia palese il riferimento al marchio più conosciuto per la categoria di prodotti coinvolta. La seconda è che l’influenza di questo film sulla reputazione di tale brand non è affatto positiva.

Stiamo parlando di Blood Diamond e di De Beers.

In realtà nella storia il nome non è mai citato ed è nascosto dietro lo pseudonimo Van de Kaap, ma chiunque guardi questo film non può che chiedersi se il cognome sia stato scelto a caso. Tanto che la De Beers stessa, in fase di lancio del film investì alcuni milioni di dollari in campagne pubblicitarie per contrastare l’effetto negativo che “Blood Diamond” avrebbe avuto sulle vendite.

Quello che ci ha sopreso è che basta una semplice ricerca in Internet per scovare numerosi documenti che legano De Beers ai diamanti insanguinati.

E ci chiediamo: questo film ha fatto veramente riflettere i consumatori sull’eticità e l’utilità di questo bene?

4 Responses to “Non è sempre puro quel che luccica…”


  1. 1 Alessandro 23 giugno, 2008 alle 1:11 am

    Il film a me è piaciuto tanto..offre veramente tanti spunti di riflessione..purtroppo non so quanto il realtà siano calate le vendite di diamanti..siamo fatti così..ci scandalizziamo nel venire a conoscenza di alcune verità..ma il giorno dopo ci svegliamo e facciamo finta di niente..è molto più comodo per noi.
    Appena ho visto il film ho pensato subito al marchio De Beers, una sorta di pubblicità al contrario..è davvero d’apprezzare il coraggio di chi ha lavorato a questa produzione..

  2. 2 welovebranding 23 giugno, 2008 alle 10:24 am

    Condividiamo in pieno quello che hai scritto e ci sarebbe piaciuto che la conversazione su questi argomenti non si fosse esaurita dopo poco dall’uscita del film.

  3. 3 Il Morello 23 giugno, 2008 alle 2:16 pm

    Prima del film era arrivato Kanye West con la canzone Diamonds (from Sierra Leone)…
    Comunque credo esistano compagnie oggi che certificano la “pulizia” dei propri diamanti.

    Lo sfruttamento è stato vergognoso.

  4. 4 welovebranding 23 giugno, 2008 alle 3:45 pm

    A quanto sappiamo a partire dal 2000 molti stati e multinazionali dei diamanti hanno firmato l’accordo di Kimberley (http://it.wikipedia.org/wiki/Kimberley_Process).

    Nonostante questo pare che il problema non sia stato risolto.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




branding steps

giugno: 2008
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Categorie


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: