A lezione di brand

Interbrand, la società americana che in fatto di brand (e misurazione del valore delle marche) “fa scuola”, sale in cattedra e stila un promemoria sui princìpi che guidano i brand manager odierni, o almeno quelli della classifica Best Global Brands 2008.
Noi non possiamo che tradurre e prendere appunti.

Lezione 1: Il coinvolgimento con il brand è cruciale.
Si sente parlare sempre più di employer branding e coinvolgimento dei dipendenti. In Italia, la medaglia d’oro del posto di lavoro ideale risulta essere Ferrari, dove i lavoratori condividono appieno i valori del brand e se ne fanno portavoce all’esterno.

Lezione 2: I brand del lusso seguono le maree dell’economia globale, ovvero riescono sempre a stare a galla con il “mare grosso”. Anche in periodi di crisi, come quello attuale, possono contare sui loro consumatori più fedeli. Le aziende devono lavorare per averne tanti e tenerli sempre legati al proprio brand.

Lezione 3: Conosci te stesso e costruisci fedeltà negli altri. La lezione sembra banale, ma non è detto che tutti la seguano. Ancora oggi tante aziende parlano di bei valori ma senza farsi guidare da questi nel loro lavoro quotidiano.
Rispettare le promesse fatte ai consumatori è un diktat che non può essere ignorato.

Lezione 4: I brand definiscono i confini dell’economia globale.
Interbrand ci suggerisce che il legame con un territorio o uno stato particolare è ancora uno strumento forte per chiarire l’identità di un brand. Tanto forte da ribaltarsi: oggi, addirittura, i brand definiscono i confini dell’economia molto più delle singole nazioni. Pensare all’Italia, ad esempio, non significa pensare allo stato in sé ma ai suoi marchi famosi in tutto il mondo.

E l’ultima lezione, quella che a noi sembra tanto radicale quanto, molto spesso, trascurata: La tecnologia continua a dare potere ai consumatori. Perché, allora, ancora così poche aziende si rendono conto che la Rete cambia in modo radicale il pubblico ed è anche una risorsa chiave?

2 Responses to “A lezione di brand”


  1. 1 simone 1 ottobre, 2008 alle 2:19 pm

    Davvero interessante….

  2. 2 nicola 16 ottobre, 2008 alle 6:42 pm

    avere un buon brand per un impresa può costituire un vantaggio competitivo difficile da colmare per i concorrenti…vedi coca-cola vs pepsi


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




branding steps

settembre: 2008
L M M G V S D
« Ago   Ott »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Categorie


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: